Ecco Come Funziona il Sistema Mani Forti (…NON è Questione di Trend)

Hai studiato e faticato tanto, ma non hai ancora raggiunto il “Benessere Finanziario” che desideri? Clicca qui per Accedere alla Guida Del Trader di Successo che ti mostrerà le REGOLE Fondamentali per generare ricchezza con il trading senza dipendere più da nessuno.

Autore: Bruno Moltrasio

Condividilo con i Tuoi Amici ❤️

Condividi su facebook
0
Condividi su linkedin
0

Hai studiato e faticato tanto, ma non hai ancora raggiunto il “Benessere Finanziario” che desideri? Clicca qui per Accedere alla Guida Del Trader di Successo che ti mostrerà le REGOLE Fondamentali per generare ricchezza con il trading senza dipendere più da nessuno.

Autore: Bruno Moltrasio

Condividilo con i Tuoi Amici ❤️

Condividi su facebook
0
Condividi su linkedin
0

Una delle frasi celebri più ricorrenti nell’ambiente del Trading on line è la seguente: “Trend is your friend”… il trend è tuo amico.

Se non sei nuovo del Trading ti sarà sicuramente capitato di sentire questa frase . In pratica il consiglio che viene generalmente dato è quello di operare in direzione della tendenza del mercato, cioè se il mercato è rialzista devi comprare e vendere, invece, se il mercato scende.

Sembra l’uovo di Colombo.

Fosse così semplice i traders sarebbero tutti milionari.

Tempo fa scrissi un articolo dal titolo un po’ polemico: “Il Trend? Non esiste!”

Questo articolo ha suscitato molte reazioni positive tra i miei lettori che mi hanno scritto complimentandosi con me perché ero riuscito a portare l’attenzione e a far riflettere su un aspetto del trend troppo spesso trascurato.

In questo articolo infatti ho affermato che in realtà il trend è una questione talmente soggettiva da non consentire di essere definito una volta sola per tutte le occasioni e per tutti gli operatori finanziari.

Infatti a mio avviso ha senso parlare di trend solo con riferimento all’orizzonte temporale di investimento che ciascuno ha: il trend può essere rialzista per un investitore di lungo periodo ma può essere allo stesso tempo ribassista per il trader intraday che sfrutta le veloci oscillazioni del mercato.

Questo è un grafico che penso possa far capire bene le perplessità che può avere un trader alle prime armi quando deve individuare il trend.

Nella prima parte il mercato era saldamente orientato al rialzo, poi però si assiste ad una discesa violenta al termine della quale è davvero complicato decifrare quale sia il trend.

La soluzione a questo problema  è quella di fissare delle regole oggettive per individuare quale sia il trend a seconda della propria operatività.

Ci ho messo tanto tempo per capirlo e altrettanto tempo per elaborare delle regole precise e replicabili per sapere sempre da che parte stare sul mercato.

Ovvio non può funzionare sempre, ma l’importante quando hai un sistema di trading non è che funzioni sempre (questo non è possibile) ma che funzioni nella maggior parte dei casi.

Ora ti dico qualcosa in più rispetto a quell’articolo.

Si sente tanto parlare delle “mani forti”, questi grandi operatori del mercato (grosse banche d’affari, istituzionali, hedge funds, che con la loro enorme potenza di fuoco sono in grado di far salire e scendere il prezzo a loro piacimento nella quasi totalità dei casi.

Pochi sanno però che con alcuni indicatori e delle regole oggettive è possibile individuare in quale direzione intendono muoversi le “mani forti”, cioè capire in anticipo quale sarà la direzione del trend nell’immediato futuro.

Torno a dire: non funziona sempre, ma nella maggior parte dei casi si… e quando nel trading porti le probabilità di successo dalla tua parte sei già a metà dell’opera (l’altra metà la fanno la gestione della posizione e il il money management… tutte componenti di cui deve essere dotato un buon sistema di trading.

Voglio farti ora un esempio fresco fresco di quel che intendo.

Quello che vedi è il grafico del future Eurostoxx50 quotato sul mercato Eurex. E’ uno dei futures su cui consiglio di operare soprattutto quando si è all’inizio perché ha un controvalore relativamente basso, circa 35.000 euro.

Questo significa che se utilizzi un capitale tra i 5.000 e i 10.000€ la leva finanziaria resta piuttosto contenuta (va da 3.5 con 10.000 € a 7 con 5.000€).

Il margine, cioè il deposito richiesto dal broker per operare su questo contratto, è inferiore ai 2.500 euro. 

Come vedi dal grafico, poco dopo l’apertura del mercato azionario (apre alle 9.00) il future sull’eurostoxx50 ha cominciato a scendere in modo deciso.

Il trend, come è inteso dalla maggior parte dei trader, era chiaramente impostato al ribasso e così ha continuato imperterrito fin verso le 10.00 di mattina.

A questo punto, il trader inesperto avrebbe potuto pensare: “trend is your friend” quindi vendo e mi metto al ribasso anch’io”.

Peccato questa volta non essere stato davanti al monitor, perché il sistema che ho elaborato, quello in grado di seguire e replicare le operazioni delle mani forti, evidenziava senza ombra di dubbio che mentre il mercato scendeva le mani forti compravano.

E se le mani forti comprano durante la discesa stai pur tranquillo che si tratta solo di aspettare il momento giusto, quello che io chiamo setup di ingresso, per capire quando è il momento esatto in cui le mani forti decidono di invertire il trend e di far salire il mercato

Come fare?

Con il mio Sistema è molto semplice!

Per farlo occorre capire quando le mani forti si stanno preparando ad invertire la tendenza del mercato.

Se ti raccontassi che ho un sistema infallibile per prevedere cosa farà il mercato ti racconterei una grande panzana. Ma è un sistema che funziona nella stragrande maggioranza dei casi. Vediamo come.

Durante la prima discesa i miei due indicatori posti sul grafico (la linea nera e quella blu) mi dicono che il trend è ribassista quindi non devo assolutamente intervenire.

Poi all’improvviso gli indicatori mi segnalano che sta iniziando una attività di accumulo da parte delle mani forti, cioè che hanno iniziato a comprare, infatti come puoi vedere dal grafico seguente c’è un primo rimbalzo dei prezzi.

Ora devi prestare la massima attenzione e cercare il punto di ingresso sul mercato perché questo è il momento in cui si sta preparando il Setup di ingresso rialzista del mio sistema che ho chiamato, non a caso, “Sistema Mani Forti”.

Segui attentamente cosa è successo dopo sul secondo tentativo di affondo.

Passiamo all’altro indicatore posto nel riquadro inferiore. 

Mentre il mercato scende nuovamente fino a toccare il minimo già realizzato in precedenza (quello che in Analisi tecnica viene identificato come potenziale doppio minimo) l’indicatore mette a segno due minimi crescenti.

Questa situazione, che fa parte del mio setup di ingresso, va sotto il nome di divergenza rialzista.

La divergenza rialzista indica una azione delle mani forti che assorbono le vendite dei piccoli trader, cioè in pratica le man forti stanno comprando mentre i piccoli trader vendono.

Questo significa che il mercato, con elevate probabilità, si sta preparando ad invertire la rotta.

Questa situazione di divergenza, unita alla posizione degli altri due indicatori, mi dice che a questo punto il mercato è pronto per girare al rialzo e posso acquistare con elevate probabilità di successo.

Guarda cosa è successo dopo…

Il setup ha intercettato perfettamente il mimino di giornata… dopo quel momento i prezzi sono saliti senza più fermarsi.

Sembra fin troppo semplice, eppure è così.

Davvero un peccato non essere stato davanti al monitor perché questo è uno dei miei setup preferiti, quello che nel Sistema Mani Forti va sotto il nome di “L2”.

Tanto per tradurre in cifre, con un solo contratto di Eurostoxx50 si sarebbero potuti realizzare almeno 25 punti che equivalgono a 250 euro.

Considerato che il margine richiesto per un contratto Eurostoxx50, come abbiamo visto prima, è di soli 2500 euro (quindi puoi operare su questo future anche con un conto di soli 5.000/10.000€) il ritorno sul margine per questa operazione è del 10%.

L’entrata è a 3341, sopra il massimo della barra verde che si è formata a cavallo tra le 10.15 e le 10.24. Lo stop è sotto il minimo della stessa barra a 3336, quindi si ha uno stop di 5 punti corrispondenti a 50 euro.

Il rapporto rischio rendimento (50/250) è 1:5 di tutto rispetto.

Considerato che il massimo a 3367 è stato toccato intorno alle 13.00 possiamo dire che in due ore e mezza il mercato ha percorso 25 punti dal nostro livello di entrata. Il che non significa che si deve stare davanti al monitor per tutto questo tempo (anche se ne varrebbe comunque la pena); infatti una volta entrati sul mercato e aperta l’operazione si possono impostare stop e target e dedicarsi ad altro.

Anche questo è il bello del trading.

Un caso di studio da incorniciare.

Come sempre le avvertenze di rito: non tutte le ciambelle riescono col buco, quindi è sempre necessario inserire uno stop loss a protezione del proprio capitale. 

Esistono anche i falsi segnali, quindi è bene essere sempre prudenti perché le cose potrebbero non andare come previsto.

Ma se operi con un sistema collaudato, semplice e replicabile come il Sistema Mani Forti, che porta le probabilità dalla tua parte e tiene sempre sotto controllo il rischio, i risultati arrivano e il trading diventa profittevole e, se permetti, anche molto piacevole.

A presto.

GRATIS: La Guida Del Trader di Successo

Cos’è il Trading e Perchè può Riempire la Tua Vita di Soddisfazioni.

GRATIS: La Guida Del
Trader di Successo
Cos’è il Trading e Perchè può
Riempire la Tua Vita di Soddisfazioni.

GRATIS: La Guida Del Trader di Successo

Cos’è il Trading e Perchè può Riempire la Tua Vita di Soddisfazioni.

Bruno Moltrasio

Bruno Moltrasio

Sono un avvocato e opero in Borsa dal 1998 come trader privato. Nel 1999 ho frequentato un Master di Analisi Tecnica dei Mercati Finanziari e ho cominciato a guardare i grafici con occhio diverso e ad investire in modo più consapevole. In questo periodo ho redatto per il quotidiano MF – Milano Finanza, la rubrica settimanale Vita da Trader, che, forse, avrai avuto qualche volta occasione di leggere. Coautore del libro Dalle strategie direzionali allo Spread Trading.

Partecipo abitualmente, come relatore all’IT Forum (Investment & Trading Forum) nonché al TOL Expo di Borsa Italiana e ho collaborato con primarie realtà del mondo del trading online, come Intesatrade, Wetrade, Webank, BPM, Nuovi Investimenti Sim, Iwbank, BNP Paribas, E*Trade, Traderlink con il suo Visual Trader, eSignal, Trading Library, Tradestation e altri ancora.

Dal 2009, ricopro la funzione di consulente esterno per l’area education di IG.

Bruno Moltrasio

Bruno Moltrasio

Sono un avvocato e opero in Borsa dal 1998 come trader privato. Nel 1999 ho frequentato un Master di Analisi Tecnica dei Mercati Finanziari e ho cominciato a guardare i grafici con occhio diverso e ad investire in modo più consapevole. In questo periodo ho redatto per il quotidiano MF – Milano Finanza, la rubrica settimanale Vita da Trader, che, forse, avrai avuto qualche volta occasione di leggere. Coautore del libro Dalle strategie direzionali allo Spread Trading.

Partecipo abitualmente, come relatore all’IT Forum (Investment & Trading Forum) nonché al TOL Expo di Borsa Italiana e ho collaborato con primarie realtà del mondo del trading online, come Intesatrade, Wetrade, Webank, BPM, Nuovi Investimenti Sim, Iwbank, BNP Paribas, E*Trade, Traderlink con il suo Visual Trader, eSignal, Trading Library, Tradestation e altri ancora.

Dal 2009, ricopro la funzione di consulente esterno per l’area education di IG.

Se questo Articolo ti è Piaciuto…  ❤️

condividilo o scrivici un commento qui sotto :-)

Condividi su facebook
Facebook 0
Condividi su linkedin
LinkedIn 0